Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Italia protagonista alla Conferenza “Green Talks” sul turismo sostenibile

Marco_di_Ruzza_Sarajevo_maggio2024_ASANSA3

Si è tenuto a Sarajevo il workshop “Green Talks: tracciare il turismo sostenibile in Bosnia ed Erzegovina”, il primo dei tre appuntamenti conclusivi nell’ambito dell’iniziativa NaturBosniaHerzegovina, finanziata da AICS e implementata dall’OSC italiana CISP (Comitato internazionale per lo Sviluppo dei Popoli). L’evento ha riunito attori chiave del settore, incluse Autorità istituzionali della BiH , partner internazionali (presente anche la Delegazione dell’Unione Europea) ed espressioni della societa’ civile. Nell’occasione, il CISP e i suoi partner e collaboratori di progetto – tra cui il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e Agenda 21 – hanno avuto l’opportunita’ di presentare risultati-chiave, condividere buone pratiche e delineare percorsi innovativi per uno sviluppo socioeconomico che promuova la tutela dell’ambiente attraverso il turismo.

Durante il suo indirizzo inaugurale, l’Ambasciatore d’Italia Marco Di Ruzza ha sottolineato come l’iniziativa “NaturBosniaHerzegovina” incorpori l’impegno congiunto, in un’ottica di gioco di squadra, a favorire l’elevazione degli standard ambientali della Bosnia Erzegovina in linea con quelli europei e a promuovere un turismo sostenibile nel Paese, valorizzandone le splendide bellezze naturali e la biodiversita’. “La nostra Ambasciata – cosi’ Di Ruzza – è orgogliosa di essere un catalizzatore di questa iniziativa che coinvolge una vasta rete di attori del “Sistema Italia”, comprendente l’AICS, organizzazioni della società civile ed eccellenze italiane come i nostri prestigiosi parchi nazionali, università e istituzioni di ricerca. Il successo di questa iniziativa e di altri paralleli progetti che sviluppiamo in tale settore in partenariato con UNDP, quali Via Dinarica, Bridge e Green Network, dimostra che l’Italia e’ all’avanguardia nella diplomazia verde in Bosnia Erzegovina con un’azione costante, incisiva, e capillare”.

La dr.ssa Letizia Fischioni, Vice Titolare di AICS Tirana, Sede regionale con competenza sui Balcani Occidentali, ha messo in luce come “NaturBosniaHerzegovina” rappresenti non solo un’importante iniziativa di tutela ambientale ed un esempio in termini di ownership, ma anche un tassello essenziale dell’approccio regionale della cooperazione italiana nei Balcani occidentali, insieme ad alcune iniziative gemelle in altri Paesi dell’area. “Questo progetto – ha osservato – contribuisce concretamente all’integrazione regionale all’interno dei Balcani Occidentali e verso l’Unione Europea, in linea con il Processo di Berlino e gli obiettivi di sviluppo sostenibile.”

Da parte sua, la dr.ssa Deborah Rezzoagli, Direttrice area dell’Est del CISP, ha ricordato che dal 2016 il CIPS ha rafforzato il suo impegno in Bosnia Erzegovina, con un’attenzione particolare all’inclusione e al coinvolgimento dei principali attori del territorio e fungendo da ponte tra le eccellenze italiane e la societa’ locale. “Grazie ad AICS e all’Ambasciata d’Italia in BiH – ha affermato la dr.ssa Rezzoagli – sono stati raggiunti nell’ambito di NaturBosniaHerzegovina risultati concreti e duraturi, addirittura al di la’ di quanto pianificato”.