Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Design italiano protagonista a Sarajevo con Alex Terzariol

GdD2024 1

Grande successo di pubblico e di risalto mediatico, a Sarajevo, per la “Giornata del Design italiano”, promossa dall’Ambasciata d’Italia. La prestigiosa sede della Municipalita’, la Vijesnica, ha ospitato un’applauditissima conferenza di Alex Terzariol, designer di grande fama e delegato alle attivita’ internazionali dell’Associazione per il Disegno Industriale (ADI). “Fabbricare valore, inclusivita’, innovazione e sostenibilita’”, il filo conduttore dell’evento, che si e’ aperto con i saluti della vice Sindaca di Sarajevo, Anja Margetic. I lavori sono stati poi introdotti dall’Ambasciatore Marco Di Ruzza che ha ricordato, evocando parole del Presidente Mattarella, che “Il Made in Italy non e’ solo un prodotto, ma un insieme di cultura, storia, creativita’”. Proprio in tal senso, ha sottolineato Di Ruzza, la Giornata del Design costituisce pilastro fondamentale delle rassegne che l’Ambasciata propone per promuovere la cultura e lo stile di vita italiano in Bosnia Erzegovina. Lo stesso Ambasciatore, insieme ad Alex Terzariol, era stato ospite prima dell’evento di un programma della televisione nazionale della Bosnia Erzegovina, in diretta, per presentare l’iniziativa al grande pubblico a testimonianza di quanto la stessa abbia suscitato attenzione ed interesse nel Paese.

Per sviluppare il tema, Alex Terzariol ha raccontato, con grande abilita’ interpretativa, affascinanti storie che hanno come protagonisti luoghi, persone ed oggetti che hanno fatto la storia del design italiano e non solo. In un’ideale viaggio lungo la penisola italiana, da Nord a Sud, sono stati così valorizzati nove distretti produttivi italiani: il distretto del casalingo tra Omegna e il lago di Orta; quello del mobile in Brianza; il distretto dello “sport system” di Asolo e Montebelluna; quello del vetro artistico di Murano; la “Motor Valley” emiliana e la “Wellness Valley” romagnola; il distretto dell’elettrodomestico di Fabriano e quello della pasta di Gragnano; e per finire il polo della biorobotica di Pisa. Con un elemento comune tra tutti i prodotti così presentati: quello di essersi aggiudicati il prestigioso premio del “Compasso d’oro”, attribuito ogni anno – in diverse categorie – da ADI.

“Una storia” – ha detto Terzariol – “resa possibile da quel mix imprenditoriale, culturale e sociale che ha fatto crescere il nostro Paese negli anni della ricostruzione e del boom economico. Anche in un contesto globale di grandi cambiamenti come quello attuale, il design italiano mantiene questo ruolo di motore di crescita, a cui associa ormai da tempo quella di ‘calamita’ attrattiva per numerosissimi talenti internazionali”.

Alla fine della conferenza, il pubblico – che ha riempito la sala in ogni ordine di posti – si e’ intrattenuto a lungo con Alex Terzariol per porre domande e stimolare approfondimenti del tema. Tra i presenti, anche studenti della facolta’ di architettura dell’Universita’ di Sarajevo e numerosi esponenti della comunita’ internazionale. Ha presenziato anche il Generale Lorenzo Dal Maso, che ha assunto recentemente le funzioni di Vice Comandante della Missione EUFOR-ALTHEA. “L’eccellente riuscita dell’evento – ha commentato l’Ambasciatore Di Ruzza alla fine dei lavori – conferma la forte propensione del pubblico locale verso i valori del Sistema Italia e l’importanza del settore design, quale naturale ponte tra creativita’ e mercato, nell’azione di diplomazia culturale italiana nel Paese”.

Si allega in proposito il catalogo della rassegna 2024