Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

l’Ambasciata presenta il programma della “Settimana della cucina italiana”. Protagonista l’Abruzzo

Res Italian Cuisine Week 2023 final A1_ita poster_page-0001

L’Ambasciata d’Italia a Sarajevo, in collaborazione con l’Agenzia ICE territorialmente competente, ha presentato il programma della “Settimana della cucina italiana nel mondo” (SCIM) per la Bosnia Erzegovina, che prenderà il via lunedi’ 13 novembre. Si tratta di una delle rassegne più conosciute ed apprezzate dal pubblico bosniaco-erzegovese tra i grandi assi della diplomazia culturale italiana nel Paese balcanico. E’ inoltre un’occasione straordinaria per promuovere la candidatura della cucina italiana a Patrimonio Immateriale dell’UNESCO, nonche’ una fondamentale leva comunicativa nello sforzo di promozione del nostro comparto agroalimentare.

Principale novità dell’edizione 2023 è il partenariato con la Regione Abruzzo, che contribuirà a realizzare gli eventi della SCIM con una delegazione di sei chef: Federico Anzelotti, Yuri Corsi, Gianmarco Dell’Armi, Antonio Di Pietro, Mirko Valente e William Zonfa. La rassegna vedrà i cuochi abruzzesi attraversare senza sosta la Bosnia Erzegovina per preparare piatti tradizionali della gastronomia regionale. Tra le strutture che ospiteranno i cuochi, i ristoranti Kibe Mahala, Spazio Gourmet, Margherita e La Tavola, con sede a Sarajevo; il ristorante Kod Brke, situato a Banja Luka; e l’Hotel Buna, nei pressi di Mostar. Anche quest’anno, partecipera’ al festival l’importante catena di distribuzione “Mercator”, capillarmente diffusa in tutto il Paese. Contestualmente, una selezionata rete di ristoranti offrira’ speciali menù italiani per tutta la settimana. La collaborazione con il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (UNFPA) – altra rilevante novita’ di questa edizione – consentirà inoltre di organizzare una serie di eventi collaterali (spettacoli teatrali, giochi da tavola e quiz), con l’obiettivo di promuovere la SCIM e il progetto “Moving Us Closer”, implementato da UNFPA con la collaborazione dell’Ambasciata e il sostegno del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale: e’ questa un’iniziativa che sviluppa scambi giovanili tra i due Paesi, anche allo scopo di favorire i processi di riconciliazione e dialogo inter-etnico in Bosnia Erzegovina.

L’appuntamento principale della SCIM e’ senz’altro il grande evento in programma al “Dom Mladih” di Skenderija, a Sarajevo, il 16 novembre, aperto alla piu’ vasta partecipazione del pubblico e dei media. In una intrigante “fusione creativa”, gli chef prepareranno prelibatezze assieme alla star della cucina bosniaco-erzegovese Miran Karic davanti ad una platea che vedra’ anche una rilevante presenza della comunità internazionale. Prenderà parte alla manifestazione anche il Vice Presidente e Assessore all’Agricoltura della Regione Abruzzo, Emanuele Imprudente.

Anche quest’anno, peraltro, la SCIM avrà un momento di formazione dedicato alle giovani generazioni: è prevista, infatti, una lezione di “Tecniche di cottura della Cucina abruzzese” presso la Srednja Turističko – ugostiteljska škola di Sarajevo, prestigioso Istituto alberghiero della capitale, a beneficio dei suoi allievi.

Ha spiegato l’Ambasciatore Marco Di Ruzza: “L’amore per il buon cibo copre larga parte del nostro essere italiani e va di pari passo con la cultura, l’arte, il turismo e l’apprezzamento per le differenze locali, in un suggestivo incontro tra tradizione, innovazione e sostenibilita’. Il filo conduttore della SCIM di quest’anno – ha proseguito l’Ambasciatore – verte sul legame tra dieta mediterranea e uno stile di vita sano: un tema strettamente legato anche alla diplomazia sportiva e, quindi, di particolare rilievo in un Paese, come la Bosnia Erzegovina, che l’anno prossimo celebrerà i quarant’anni delle Olimpiadi invernali del 1984. Siamo molto lieti di valorizzare nell’edizione di quest’anno la Regione Abruzzo, cui va un mio ringraziamento sincero per accompagnarci in questo splendido viaggio, fatto di sapori, armonia e bellezza”.