Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Pubblicato il “Bando Balcani” 2023 per soggetti privati ed organizzazioni della società civile. Domande fino al 30 settembre.

Bando Balcani
Bando Balcani

Il Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Direzione Generale per l’Europa e la Politica Commerciale Internazionale – DGUE) ha pubblicato un avviso di pubblicità (Bando Balcani) in favore di progetti aventi la finalità di consentire la partecipazione italiana ad iniziative di pace ed umanitarie in sede internazionale e di tutela dei diritti umani.

I contributi sono concessi alle proposte di iniziative aventi le finalità relative alle seguenti aree tematiche, nella regione dei Balcani Occidentali (Albania, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia):

  1. il consolidamento delle istituzioni democratiche e il sostegno ai processi di riconciliazione nazionale e in ambito regionale, il rafforzamento del processo di adesione dei Paesi dei Balcani Occidentali all’UE e la promozione dell’integrazione europea, la prevenzione del terrorismo e dell’estremismo, la riforma del settore della giustizia e dei sistemi elettorali, la trasparenza e la lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata;
  2. inclusione e valorizzazione delle giovani generazioni, delle donne e delle minoranze nazionali nei processi di riconciliazione regionale e di integrazione UE;
  3. il rafforzamento della tutela e della promozione dei diritti umani;
  4. la promozione della diffusione e del rispetto del diritto internazionale ed umanitario.

Le iniziative proposte potranno avere carattere bilaterale o regionale.

La dotazione finanziaria disponibile è pari a 300.000 euro. Ciascuna proposta selezionata potrà beneficiare di un contributo non superiore ad una percentuale del 90% rispetto all’ammontare totale dei costi necessari alla realizzazione delle attività proposte e comunque per una cifra pari al massimo a 30.000 euro.

La presentazione delle proposte da parte di soggetti privati che hanno la propria sede legale in Italia o in altro Paese dell’Unione Europea avviene esclusivamente mediante posta elettronica certificata all’indirizzo dgue.adriatico-balcani@cert.esteri.it e contestualmente a bandobalcani@esteri.it. La e-mail di trasmissione dovrà indicare nell’oggetto la dicitura “RIF. Bando Balcani 2023” e il nome dell’ente proponente.

Per i soggetti che hanno sede legale presso un Paese extra-UE, la domanda viene presentata esclusivamente per il tramite della Rappresentanza Diplomatica italiana competente territorialmente. La domanda, redatta sulla base del modello allegato e completa di tutti i documenti e dichiarazioni già legalizzate, potrà essere spedita o presentata in modalità cartacea all’interno di un plico riportante la dicitura “Bando Balcani 2023” presso la sede dell’Ambasciata d’Italia a Sarajevo.

Il termine finale della presentazione della domanda è stabilito alle ore 12.00 del 30 settembre 2023, ora di Roma.

Eventuali quesiti relativi alla presente procedura possono essere indirizzati, esclusivamente in forma scritta, all’indirizzo dgue.adriatico-balcani@cert.esteri.it e contestualmente a bandobalcani@esteri.it, indicando nell’oggetto la dicitura “RIF. Bando Balcani 2023 – QUESITI”, entro il 23 settembre 2023, h.12.00.

Tutti i dettagli sono disponibili nel bando e nei relativi allegati, che si invita a leggere attentamente: