Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Grande successo del concerto “Omaggio all’Italia” della giovane chitarrista Cristina Galietto

Un applauditissimo concerto della giovane e talentuosa chitarrista napoletana Cristina Galietto ha aperto il “Maggio musicale italiano”, rassegna organizzata dall’Ambasciata in collaborazione con la societa’ Dante Alighieri nell’ambito degli eventi culturali di avvicinamento ed accompagnamento alla Festa della Repubblica. Il concerto si e’ svolto presso la grande camera della Srednja Muzicka Skola di Sarajevo, il prestigioso liceo musicale della citta’, nell’occasione gremita in ogni ordine di posti. Gia’ vincitrice di Eurostrings 2021 e reduce dall’apprezzata partecipazione al festival internazionale della chitarra di Sarajevo edizione 2022, la Galietto ha deliziato il numeroso pubblico –– che contemplava anche una folta presenza della collettivita’ italiana e di esponenti della comunita’ internazionale – con un “Omaggio all’Italia” in cui ha magistralmente proposto ed interpretato pezzi di Bach, Tansman, Paganini, Tarrega e Castelnuovo-Tedesco.

Nell’aprire la serata, l’Ambasciatore Marco Di Ruzza ha sottolineato l’importanza accordata alla dimensione culturale nell’ambito dell’azione diplomatica italiana nel Paese e dei rapporti bilaterali. In tale contesto, Di Ruzza ha posto l’accento sul solido partenariato tra l’Ambasciata e il predetto Liceo musicale, che consente fruttuosi scambi con licei musicali italiani e si avvale, di recente, anche dell’introduzione dell’italiano come insegnamento curricolare per tutti gli indirizzi dell’istituto, a testimonianza della assoluta rilevanza del ruolo dell’Italia nel Paese in ambito artistico-musicale.

Oltre al grande successo di pubblico, l’evento ha ricevuto profonda risonanza mediatica, amplificata anche dalla presenza dell’Ambasciatore e dell’artista, alla vigilia del concerto, a un seguitissimo programma di informazione della televisione nazionale di Bosnia-Erzegovina (BHT1). Nel corso dell’intervista, e’ stato ricordato anche il grande appuntamento del prossimo 11 ottobre presso il Teatro Nazionale, il concerto del Maestro Riccardo Muti, celebrativo dei cento anni della Filarmonica di Sarajevo (come sottolineato da Di Ruzza, “un grande regalo per Sarajevo, la Bosnia-Erzegovina e le relazioni tra i due Paesi”).

Il “Maggio musicale italiano” proseguira’ il prossimo 26 maggio, con il concerto del sassofonista Michele Biasutti, promulgatore di una musica “ecologica” e indagatore dei rapporti fra pensiero scientifico e logiche musicali.