Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Equipollenza dei titoli di studio e dichiarazioni di valore

I titoli di studio stranieri non hanno valore legale in Italia. Pertanto – qualora debbano essere utilizzati in Italia in vari ambiti – è necessario chiederne il riconoscimento (v. approfondimento). Esso comporta un diverso percorso a seconda che il riconoscimento sia destinato a conferire valore legale al titolo attraverso il riconoscimento accademico o sia destinato a permettere di ottenere l’accesso ai pubblici concorsi o benefici specifici. Per maggiori informazioni si prega di consultare il sito del Centro Informazioni Mobilità Equivalenze Accademiche (CIMEA).

In ogni caso, per ottenere il riconoscimento è necessario richiedere preliminarmente alle rappresentanze diplomatico-consolari italiane una Dichiarazione di Valore, relativa al percorso formativo e alla tipologia di titolo di studio conseguito. In particolare, gli stranieri e gli italiani residenti all’estero che vogliano accedere alle Università italiane devono presentare al Consolato una domanda di rilascio della dichiarazione di valore, disponibile qui, assieme ai seguenti documenti:

– diploma o certificato in originale o debitamente reso ufficiale, munito del sigillo o del timbro a secco della scuola o dell’istituzione universitaria e firmato in modo leggibile dal funzionario addetto, e certificato con timbro “Apostille”;

– traduzione del documento in italiano, eseguita  dall’interprete giurato con timbro “Apostille”.