Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Ambasciatore Di Ruzza inaugura le “Giornate del Cinema italiano in Bosnia Erzegovina”

Con la proiezione del film “Nostalgia”, diretto da Mario Martone e Pierfrancesco Favino nel ruolo di protagonista, si e’ aperta l’edizione 2023 delle “Giornate del Cinema italiano in Bosnia-Erzegovina”, evento organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Sarajevo in partenariato con “Fare Cinema”. “Il successo della giornata d’esordio – cosi’ l’Ambasciatore Marco Di Ruzza – con la sala del Meeting Point gremitissima di spettatori e di entusiasmo conferma l’affetto che il pubblico-erzegovese riserva alla cinematografia italiana e rende questa rassegna annuale una delle espressioni piu’ interessanti ed apprezzate della diplomazia culturale italiana nel Paese”.

Sino al 15 giugno – e’ stato ricordato dall’Ambasciatore nell’aprire il festival – il pubblico bosniaco-erzegovese potra’ ammirare film di alta qualita’ del panorama cinematografico italiano contemporaneo, appartenenti a generi diversi e tali da offrire un ampio spaccato della societa’ italiana, anche in funzione delle differenti ambientazioni territoriali delle pellicole. Oltre a Sarajevo, l’iniziativa coinvolgera’ le citta’ di Mostar, Banja Luka e Tuzla.

Anche quest’anno, accanto agli interpreti piu’ noti e popolari, il programma valorizza registi emergenti del cinema italiano, come nel caso di Mirko Pincelli, di cui sara’ proposto il lungometraggio d'esordio, “The Habit of Beauty”. Previsto anche un docu-film dedicato alla capitale, “Power of Rome”, nell'ambito della campagna a sostegno della candidatura di Roma ad ospitare EXPO2030.

La conclusione delle “Giornate” portera’ in primo piano il mondo della fotografia di scena: il 15 giugno presso il Museo Nazionale di Sarajevo sarà infatti inaugurata la mostra “Dietro le quinte” ispirata al fotografo Mimmo Cattarinich, per anni al seguito dei più grandi registi della storia d'Italia, da Fellini a Pasolini, da Benigni a Tornatore. L'esposizione, che resterà aperta sino al 3 luglio, è stata costruita sulla base di un archivio fotografico unico che racconta storie inedite sul grande cinema italiano dai primi anni sessanta fino agli inizi del terzo millennio.