Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Servizi consolari

 

Servizi consolari

 

Servizi Consolari 


I servizi consolari sono erogati secondo principi di eguaglianza, imparzialità, efficienza e trasparenza.

I Consolati assicurano a tutti i connazionali tutela in caso di violazione dei loro diritti fondamentali e di limitazione o privazione della loro libertà personale. Inoltre assicurano assistenza per i casi di emergenza, per la ricerca di familiari, per le pratiche di successione aperte all'estero e per il rimpatrio delle salme.

 

DOCUMENTI DI VIAGGIO ITALIANI RICONOSCIUTI VALIDI PER ENTRARE IN BOSNIA ERZEGOVINA

Si riassumono qui di seguito le informazioni relative ai documenti di viaggio emessi dalle Autorità italiane ai fini dell’espatrio e riconosciuti validi presso le Autorità di frontiera della Bosnia Erzegovina per l'ingresso nel Paese.
Si possono ottenere chiarimenti scrivendo all’indirizzo e-mail: consolare.ambsarajevo@esteri.it

I documenti validi sono i seguenti:
- passaporto ordinario, rilasciato dalle Questure dai 0 anni in su;
- passaporto collettivo, rilasciato dalle Questure dai 0 anni in su, per i gruppi di minimo 5 persone;
- carta di identità elettronica o cartacea valida per l'espatrio, rilasciata dai Comuni da 0 anni in su;
- (unicamente per i cittadini stranieri) visto Schengen multiplo o permesso di soggiono in corso di validità, per un soggiorno massimo di 7 giorni.

Il minore di anni 14, deve essere in possesso di documento individuale e non può più essere iscritto sul passaporto dei genitori. Al contempo i passaporti dei genitori con l’iscrizione dei figli minori rimangono validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza;
Qualora sui documenti individuali del minore di anni 14, non siano indicati i nomi dei genitori, si consiglia di portare al seguito anche il certificato di nascita o lo stato di famiglia. Tale obbligo non è previsto espressamente dalla legge; tuttavia nel caso emergano dubbi circa l’esistenza del rapporto genitoriale tra minore ed accompagnatore al momento della partenza, il certificato di nascita o stato di famiglia può dimostrare concretamente la sussistenza del legame di paternità o maternità.
Se il minore di anni 14 è affidato ad una terza persona con delega per l’accompagnamento, oltre al documento di viaggio individuale valido per l’espatrio, deve essere in possesso di una Attestazione di dichiarazione di accompagnamento (in vigore dal 4 giugno 2014) che riporti il nome della persona, dell'ente o della compagnia di trasporto cui il minore è affidato, rilasciata da chi può dare l'assenso, convalidata dalla Questura o dall’autorità consolare.
Link per scaricare i moduli: Attestazione di accompagnamento e Dichiarazione di accompagnamento

Per l'ingresso in Bosnia Erzegovina si raccomanda di non utilizzare carte d'identita' rinnovate, siano esse cartacee o elettroniche. Nel caso di carte d'identita' scadute, e' necessaria la sostituzione con una di nuova emmissione, poiche' non sono accettate carte con certificato di estensione allegato.

Non sono validi i seguenti documenti:
- tessera AT/BT;
- certificato di nascita con fotografia (rilasciato dalle Questure per i minori di anni 15);
- carte d’identità valide per l’espatrio non cartacee con timbro di rinnovo su foglio allegato.

A CAUSA DEI NUMEROSI FURTI AI TURISTI REGISTRATI NEL PAESE ED IN PARTICOLARE A MEDJUGORJE SI CONSIGLIA DI PRESTARE ATTENZIONE ALLA CUSTODIA DEGLI EFFETTI PERSONALI E DI MUNIRSI DI UNA COPIA DEL DOCUMENTO DI VIAGGIO, TENENDO A PARTE GLI ORIGINALI.

 


13