Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Messaggio di benvenuto

Data:

26/03/2019


Messaggio di benvenuto

Gentili Ospiti, cari Amici,

benvenuti sul sito dell'Ambasciata d'Italia a Sarajevo.

Ogni giorno lavoriamo per promuovere la presenza dell'Italia in Bosnia Erzegovina e l'amicizia tra i due Paesi. Questo impegno prosegue oggi una lunga tradizione, avviata con l'apertura della prima sede diplomatica italiana in Bosnia Erzegovina nel lontano 1863. Allora l'Italia era unita da appena due anni e l'area era ancora una provincia dell'Impero Ottomano.

Da allora il legame tra i due Paesi è cresciuto costantemente e si è rafforzato attraverso oltre 150 anni di storia, pieni di momenti spesso difficili e a volte tragici, ma sempre indice di un rapporto molto stretto e ricchi di grandi occasioni di collaborazione reciproca.

Oggi l'Italia è tra i principali interlocutori politici della Bosnia Erzegovina, è il secondo partner commerciale, è tra i primi donatori nella cooperazione allo sviluppo e vede presenti oltre 70 imprese italiane, attive in tutti i settori produttivi, che danno lavoro ad oltre 12.000 persone.

Gli italiani sono di casa in Bosnia Erzegovina, anche perché costituiscono una delle minoranze ufficiali del Paese: infatti c'è qui una comunità italiana di oltre 800 persone, discendenti di quegli italiani arrivati dal Trentino e dal Nord Italia ai tempi della presenza austro-ungarica. Altri sono giunti dopo la Prima e la Seconda Guerra Mondiale. A questo gruppo storico si uniscono tanti altri cittadini italiani attivi oggi in tanti campi: esperti internazionali, cooperanti, imprenditori, ma anche artisti, giornalisti e scrittori che hanno scelto di operare in una terra ricca di stimoli e sfide.

L'amicizia tra Italia e Bosnia Erzegovina è mantenuta viva anche da un continuo, ammirevole flusso di turisti e pellegrini, sinceri amanti di questa terra, nonché tantissime scuole e parrocchie che, a vario titolo, intraprendono "Viaggi della memoria". L'Ambasciata è felice di assistere i connazionali in transito e, soprattutto per le scuole, abbiamo avviato programmi di gemellaggio ed incontro con le istituzioni scolastiche locali, per facilitare la collaborazione e promuovere l'insegnamento dell'italiano.

In Bosnia Erzegovina è attiva anche una piccola ma dinamica sezione della Società Dante Alighieri, mentre l'Ambasciata promuove la diffusione della cultura italiana a tutti i livelli con spettacoli, mostre e concerti di grande respiro.

La presenza italiana in Bosnia Erzegovina è quindi durevole e significativa. Siamo convinti che la stabilità e crescita della Bosnia Erzegovina siano nell'interesse dell'Italia e che la crescita dei rapporti politici, culturali ed economici possa beneficiare in egual modo entrambe le parti, offrendo un ponte per l'ingresso della Bosnia Erzegovina nell'Unione Europea.

E' per me un onore lavorare con la squadra dell'Ambasciata alla crescita delle relazioni bilaterali. Per tutti voi che ci visitate, fisicamente o su internet, vale l'invito ad unirvi in questo sforzo con proposte, idee ed investimenti, che saremo felici di approfondire insieme.

Buona visita e, come si dice qui, "idemo zajedno", cioè "andiamo insieme"!

Un cordiale saluto,

Nicola Minasi


746