Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

COMUNICATO DELL'UNITA' DI CRISI DEL MINISTERO DELLA SALUTE DEL CANTONE DI SARAJEVO

Data:

24/02/2020


COMUNICATO DELL'UNITA' DI CRISI DEL MINISTERO DELLA SALUTE DEL CANTONE DI SARAJEVO

Traduzione di cortesia                                                                                Sarajevo, 24 febbraio2020

UNITA' DI CRISI DEL MINISTERO DELLA SALUTE DEL CANTONE DI SARAJEVO per il monitoraggio e l'analisi della situazione causata dal Coronavirus (2019-nCoV)

COMUNICATO

Istruzioni per le persone che hanno soggiornato o che vengono dall'Italia (Lombardia e Veneto)

Per rispondere efficacemente all'epidemia causata dal Coronavirus, l’Unità di Crisi per il monitoraggio e l’analisi della situazione causata dal Coronavirus (2019-nCoV) del Ministero della Salute del Cantone di Sarajevo raccomanda alle persone che hanno soggiornato in Italia negli ultimi 14 giorni o che vengono dall'Italia, in particolare dalle regioni Lombardia e Veneto, di contattare l'epidemiologo di turno telefonicamente allo 062 086 282 per la raccolta delle informazioni epidemiologiche e per ricevere i consigli sugli eventuali trattamenti. Fino ad allora, si consiglia l'isolamento domestico.

In caso di sintomi respiratori - febbre, tosse e problemi respiratori - si consiglia di chiamare il numero di telefono 062 086 282, al quale risponde l'epidemiologo di turno che informerà la squadra mobile del Centro Sanitario o dell'Istituto per i Servizi Sanitari d’Emergenza, che verrà all’indirizzo segnalato, efettuerà i primi controlli e suggerirà i provvedimenti.

Fino all'arrivo della squadra mobile, è consigliabile rimanere in casa e, se possibile, adottare le misure di autoisolamento per proteggere la salute dei famigliari (contatti).

L’Unità di Crisi richiede che queste raccomandazioni siano prese ed attuate con serietà al fine di proteggere la salute pubblica.

Protocollo e Servizio Stampa del Cantone di Sarajevo

 

Comunicato link

 


813