Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Giornata del Design Italiano a Sarajevo: protagonisti il “potere dell’archivio”, il progetto “Ars Aevi” e Roma EXPO 2030.

Data:

30/03/2022


Giornata del Design Italiano a Sarajevo: protagonisti il “potere dell’archivio”, il progetto “Ars Aevi” e Roma EXPO 2030.

Nel suggestivo proscenio della Vijećnica (sede del Comune ed ex Biblioteca Nazionale, cuore pulsante del centro storico cittadino), si è tenuta a Sarajevo – organizzata dall’Ambasciata d’Italia - la Giornata del Design Italiano 2022 (Italian Design Day). Un pubblico numeroso e qualificato, con folta presenza di organi di informazione, ha fatto da cornice all’evento, che si è avvalso della collaborazione, quale “Ambasciatrice del design in Bosnia Erzegovina” per il 2022, della società di produzione audio-video “MUSE Factory of projects”, rappresentata dalla sua fondatrice, dott.ssa Francesca Molteni.

Come sottolineato dall’Ambasciatore Di Ruzza all’inizio dei lavori, la manifestazione, alla luce della platea degli interlocutori coinvolti, intendeva sia promuovere il design italiano in Bosnia-Erzegovina, attraverso l’opera di una società italiana che rappresenta un’eccellenza nel settore, sia individuare ambiti di collaborazione bilaterale per un futuro contributo del design italiano alla sistemazione degli spazi urbanistici bosniaco-erzegovesi, in particolar modo sarajevesi. In tale ottica, profondi apprezzamenti verso l’iniziativa sono stati espressi dalla Sindaca di Sarajevo, Benjamina Karić, nel suo caloroso saluto inaugurale.

Nella prima parte della manifestazione – che è stata moderata dal responsabile per gli affari commerciali e culturali dell’Ambasciata, dott. Lorenzo Donatelli - protagonista è stata la proiezione del film-documentario “The Power of the Archive”, realizzato dalla predetta società in collaborazione con la Fondazione Renzo Piano e il Renzo Piano Building Workshop. L’opera ha ripercorso l’esperienza dell’archivio dello Studio Piano, fabbrica riconvertita di Genova dove il Senatore ha raccolto modelli, bozze, rendering e disegni accumulati in decenni di attività e progetti nel mondo. Al centro del film, la concezione degli spazi documentali e archivistici non solo come strumenti di sistematizzazione del passato, ma anche come potenziali centri focali di una gestione degli spazi urbanistici volta ad aprire alla cittadinanza – e in particolare ai più giovani – i luoghi tradizionali della conservazione della memoria. Un approccio – come enfatizzato dalla dott.ssa Molteni - che consente di valorizzare la funzione dell’archivio anche come “ponte verso il futuro”. Alla proiezione del film sono seguiti interventi del mondo dell’archivistica locale, in particolare da parte dell’Archivio statale di Bosnia Erzegovina e della Commissione per la Tutela del patrimonio nazionale di BiH.

La seconda parte dell’evento è stata dedicata a un altro ambito di cruciale importanza per le relazioni tra l’Italia e la Bosnia Erzegovina: la realizzazione del complesso museale destinato ad ospitare, a Sarajevo, la collezione di arte contemporanea “ARS AEVI”, il cui progetto originario è stato disegnato proprio da Renzo Piano. A seguito di un recente accordo siglato tra il Cantone e il Comune di Sarajevo, anche su impulso dell’Ambasciata d’Italia, il progetto – rimasto a lungo fermo – è stato rivitalizzato e beneficerà a breve di un’ulteriore importante spinta grazie alla pubblicazione del bando per la progettazione esecutiva, finanziato da AICS. In tale quadro particolarmente significativo è stato l’intervento, in modalità online, dell’architetto Emanuela Baglietto - partner del Renzo Piano Building Workshop e responsabile del progetto ARS AEVI presso lo studio negli anni successivi alle guerre jugoslave – che ha ripercorso con emozione le tappe che hanno portato al coinvolgimento del Senatore Piano e dello studio nel progetto ARS AEVI.

La Giornata del Design italiano ha, infine, offerto l’opportunità di presentare ancora una volta al pubblico bosniaco-erzegovese la candidatura di Roma ad Expo2030, proiettando un filmato che valorizza gli obiettivi e i punti di forza della proposta. Il tema è stato oggetto anche di un intervento in diretta dell’Ambasciatore Di Ruzza alla Radio-Televisione della Federazione di Bosnia-Erzegovina, emittente che ha fornito notevole risonanza alla “Giornata del Design Italiano”, seguendo l’intera manifestazione.


1011