Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Italia e UNDP insieme ai giovani della Bosnia Erzegovina con il nuovo progetto “Bridge”

Data:

25/05/2021


Italia e UNDP insieme ai giovani della Bosnia Erzegovina con il nuovo progetto “Bridge”

L’Ambasciatore d’Italia in Bosnia Erzegovina, Nicola Minasi, e la Rappresentante di UNDP a Sarajevo, Steliana Nedera, hanno firmato oggi un accordo per la realizzazione di un nuovo progetto chiamato “BRIDGE – Building relations for intercultural dialogue in Bosnia and Herzegovina”.

Il progetto, del valore totale di quasi 800.000 EUR, intende investire nel dialogo interculturale e colmare le distanze sociali tra le diverse comunità nel Paese, coinvolgendo in particolare le generazioni più giovani. Giovani provenienti da comunità e background diversi saranno messi in contatto attraverso iniziative ecologiche e culturali, di turismo d’avventura e di protezione ambientale, puntando a favorire lo sviluppo ed il turismo sostenibili e la promozione dello straordinario potenziale turistico della Bosnia Erzegovina.

Il progetto faciliterà anche la creazione dei “Giochi senza Frontiere Nazionali della Via Dinarica” rivolto proprio ai più giovani, in collaborazione con Governi locali, scuole, associazioni sportive, organizzazioni giovanili, associazioni turistiche e media (l’Italia è già il principale finanziatore, insieme agli Stati Uniti, del programma “Via Dinarica”, anch’esso gestito da UNDP).

Tra le diverse attività previste, il progetto svilupperà anche un’applicazione digitale per informare i più giovani sul patrimonio culturale, naturale e storico della Bosnia Erzegovina, istituirà il “TED Youth Talk” nel Paese ed organizzerà un “Campionato Nazionale Giovanile della Conoscenza” tra scuole superiori di tutta la Bosnia Erzegovina, in cooperazione con una TV nazionale e ONG locali.

L’Italia e UNDP ribadiscono il proprio forte impegno a promuovere lo sviluppo sostenibile in Bosnia Erzegovina e ad investire nei giovani, nell’educazione, nel dialogo interculturale e nella riconciliazione nazionale per liberare tutto il potenziale del Paese.

 

Italy and UNDP together with young people from Bosnia and Herzegovina with the new "Bridge" project

The Ambassador of Italy in Bosnia and Herzegovina, Nicola Minasi, and the UNDP Resident Representative in Sarajevo, Steliana Nedera, signed today an agreement for the implementation of a new joint project named “BRIDGE – Building relations for intercultural dialogue in Bosnia and Herzegovina”.

The project, of the overall amount of almost 800.000,00 EUR, aims to invest in intercultural dialogue and bridge social distance among different communities in the country, by engaging primarily with younger generations. Young people from different backgrounds and communities will be connected via ecological and cultural activities, adventure tourism and environmental protection, with an eye to supporting sustainable development and tourism and promoting the incredible touristic potential of Bosnia and Herzegovina.

The project will also facilitate the establishment of the “Via Dinarica National Youth Games without Borders”, partnering with local governments, schools, sport associations, youth associations, mountain and tourist associations and media (Italy is the main funder, together with the USA, of the UNDP-managed program “Via Dinarica”).

Amongst the different activities scheduled to take place in the coming months, the project will also develop a digital application to inform young people about the cultural, natural and historical heritage of BiH, establish the “TED Youth Talk” for Bosnia and Herzegovina and organize a “National Youth Knowledge Championship” among all high schools in the country, in cooperation with a partner TV programme , that will also involve non-governmental organizations from all over the country.

Italy and UNDP reaffirm their strong commitment to supporting sustainable development in Bosnia and Herzegovina and investing in youth, education, intercultural dialogue and national reconciliation to unlock the full potential of the country.


930